Pronto mammà ? Franca Valeri ci ha lasciato : chissà se lo sa il 110 …

di Laura Toffolo

Franca Valeri sora-cecioni

Avevo poco più di 6 anni quando cominciai a seguire in TV , il sabato sera , la Sora Cecioni. E mi piaceva talmente tanto,  che imparai a memoria parecchi suoi sketch. Li recitavo ai miei parenti (poveretti!!) e a tutti quelli che me li chiedevano , insieme ad altre imitazioni ( fra cui quella del giornalista Ruggero Orlando).

Per me Franca Valeri è stata colei che ha fatto scaturire la mia vena artistica, e soprattutto comica. Purtroppo dopo gli 11 anni, agli albori dell’adolescenza l’ho sfortunatamente fatta sopire. Fortunatamente non addormentare. Visto che oggi GRAZIE a  LEI e al potere della risata sto riappropriandomi di quello che era uno dei miei talenti. E la mia Anima mi ringrazia.

Come io non smetterò mai di ringraziare Franca Valeri, per tutto quello che ha fatto sia per le maschere comiche al femminile, scrivendo scenette , commedie e libri, sia per aver portato avanti un vero Femminismo anche senza professarsi mai femminista.

Ho avuto occasione di vederla a teatro qualche anno fa , insieme ad Urbano Barberini. La sua voce era già rotta , ma si capiva benissimo quello che voleva trasmettere, e l’ha fatto fino alla fine dello spettacolo. Credo che avesse già 90 anni, visto che ne ha compiuti 100 il 31 luglio ( giorno x me speciale per la nascita del mio 1° figlio)

Era una vera leonessa, non solo come segno zodiacale, e un vero Animale da palcoscenico. Per questo Urbano Barberini ha lanciato l’idea di fare la sua camera ardente in uno dei più antichi e famosi teatri di Roma : Il TEATRO ARGENTINA, uno degli ultimi in cui si erano esibiti insieme.

Mi piace ricordarla anche nei suoi divertenti film, fra cui “IL VEDOVO” con Alberto Sordi , altro grande pilastro del nostro cinema di cui quest’anno si sono celebrati i 100 anni dalla nascita. Erano nati nello stesso anno , il 1920, e avevano superato le brutture della guerra , della fame e non solo.

Ma la Sora Cecioni esorcizzava tutto anche le disgrazie e la morte, come possiamo gustare dai 2 video che ho trovato su YouTube e di cui allego il link in fondo a questo articolo. Forse perché c’è sempre un 110 ( numero telefonico UNICO che  tanti anni fa rispondeva a quesiti di vario tipo) . Chissà se anche il 110 sa che LEI ci ha lasciato…. un’EREDITA’ UNICA DI PROFONDA ALLEGRIA , Ancora GRAZIE FRANCA.

Sora Cecioni : IL MARITO RITARDA

La Sora Cecioni e la Tomba di Nonno